Medici di famiglia: una situazione al collasso

 

Nei prossimi 10 anni quasi 34.000 medici di famiglia smetteranno di lavorare, se nulla cambierà 33 milioni di italiani rimarranno senza il proprio medico

 

 

Il problema del numero insufficiente dei medici di medicina generale sta esplodendo in tutta Italia in una situazione che è già oggi al collasso: quasi metà degli italiani, secondo le ultime ricerche del Censis e di Altroconsumo, non sono soddisfatti del proprio dottore e si presentano in ambulatorio soprattutto per farsi prescrivere farmaci e impegnative “rosse”: le cure a domicilio sono viste come un’utopia e le visite in ambulatorio sono ritenute spesso frettolose o superficiali.

 

Un gatto che si mangia la coda: nei prossimi 10 anni quasi 34.000 medici di base andranno in pensione, circa il 70% di quelli in servizio, di questi, rimanendo invariato il numero di posti messi a concorso dalle Regioni ogni anno, ne saranno “rimpiazziati” solo 11.000 con un saldo negativo di oltre 22.000 medici. Considerando un massimo di 1.500 pazienti per medico significa che 33 milioni di italiani rimarranno senza il proprio medico, l’unica soluzione nell’immediato è innalzare il massimale con ulteriori disagi per i medici e pazienti.

 

I sindacati di categoria lamentano l’inadeguatezza quantitativa e qualitativa dell’attuale sistema dei corsi regionali di formazione in medicina generale: i medici dovrebbero essere sostituiti dai nuovi laureati, ma per poter fare il medico di medicina generale, non basta laurearsi, è necessario partecipare ed essere resi idonei in corsi gestiti dalle Regioni che oggi durano tre anni e offrono ai medici selezionati borse di studio di 800 euro al mese. Le scuole di specializzazione delle Università, che danno invece il titolo necessario per lavorare negli ospedali, durano 4-5 anni, e garantiscono una remunerazione mensile di 1800 euro. È quindi assai più probabile che il giovane laureato preferisca partecipare alle selezioni nazionali per l’ammissione alle scuole di specializzazione che ai concorsi regionali per diventare medico di medicina generale.

 

Occorrerebbe in effetti valorizzare la figura del medico di medicina generale enfatizzandone la professionalità e il ruolo cardine che ha nella gestione territoriale e favorendone una reale integrazione con l’ospedale così da evitare quella frammentazione di approccio che è spesso causa di gravi inconvenienti

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Tel     0863.36174

Cell. 3271120680

Palazzo Admiral

Via Tiburtina Valeria Km112,00

67050 Cappelle dei Marsi (AQ)

Uscita Autostradale Avezzano

P. IVA e CF 12586261005

 

  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page