Displasia congenita dell'anca: l'importanza della diagnosi precoce

La displasia dell’anca è la più importante tra le deformità congenite in ambito ortopedico se si tiene conto della sua incidenza, della sua evolutività, delle difficoltà terapeutiche e della gravità dei danni funzionali che può determinare. 

 

 

 

La patologia comprende un ampio spettro di alterazioni congenite della morfologia articolare dell’anca neonatale. Nella larga maggioranza dei casi alla nascita è presente un difetto anatomico caratterizzato dalla presenza di un cotile sfuggente ed ipoplasico che non garantisce un sufficiente grado di copertura alla testa femorale, che risulta quindi lateralizzata e migrata cranialmente. Ne consegue una condizione di instabilità articolare a carattere progressivo, che quando non diagnosticata e correttamente trattata alla nascita, può rapidamente evolvere in età infantile in una vera e propria lussazione della testa del femore che, fuoriuscendo completamente dall’acetabolo, comporta un evidente accorciamento dell’arto associato ad una marcata e antiestetica zoppia.

 

La diagnosi della displasia congenita dell’anca viene posta il più delle volte alla nascita dal neonatologo. In tutti i neonati viene infatti ricercato il cosiddetto “segno dello scatto di Ortolani”. Purtroppo però, per una molteplicità di ragioni, non sempre la ricerca del segno dello scatto consente di porre correttamente alla nascita la diagnosi di displasia dell’anca. E’ per questa ragione che è fortemente consigliata l’esecuzione della ecografia dell’anca in tutti i neonati con fattori predisponenti quali la familiarità, la presentazione podalica o malformazioni associate (screening ecografico selettivo).

 

In realtà è tutt’oggi oggetto di controversia se l’esame ecografico dell’anca debba essere esteso a tutti i neonati o essere selettivamente riservato solo a quelli che presentano fattori di rischio (screening ecografico universale). Le ragioni a sostegno di quest’ultima ipotesi sono prevalentemente di natura economica ed organizzativa (costi elevati e difficoltà di erogare questa prestazione diagnostica alla intera platea della popolazione neonatale). Inoltre verrebbe imputato alla ecografia il rischio di sottoporre a trattamento un numero di pazienti maggiore del necessario.

 

Sono tuttavia molti gli argomenti in favore della esecuzione sistematica della ecografia in tutti i neonati:

  • È un esame semplice, economico, non invasivo

  • La percentuale di falsa negatività della ricerca del segno dello scatto di Ortolani non è né bassa né trascurabile (sino al 20 – 30% in alcune casistiche)

  • Esistono forme lievi di displasia, effettivamente silenti alla nascita ma ecograficamente evidenti, che possono sfuggire anche alla valutazione clinica di un medico esperto ed evolvere drammaticamente nei mesi successivi alla nascita

  • L’ecografia dell’anca del neonato può essere utilmente effettuata solo sino al 6° mese di età. Dopo questa età si dovrà necessariamente ricorrere al tradizionale esame radiografico.

  • Una diagnosi ed un trattamento precoce consentono cure più semplici, più veloci, meno costose, meno traumatiche e risultati migliori

  • Una diagnosi tardiva oltre a richiedere trattamenti conservativi molto più lunghi e costosi espone al rischio di risultati meno soddisfacenti nell’immediato e ad artrosi in età adulta (artrosi secondaria dell’anca) 

  • Se il ritardo nella diagnosi è nell’ordine di molti mesi il trattamento non potrà che essere chirurgico.

  • La chirurgia correttiva della lussazione congenita dell’anca è una chirurgia importante, invasiva, non sempre risolutiva e non esente da possibili complicazioni.

 

A MEDILAB grazie alla collaborazione con la Dott.ssa Cinzia Orazi dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è possibile eseguire l’ecografia dell’anca alla tariffa agevolata di 60 euro.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Tel     0863.36174

Cell. 3271120680

Palazzo Admiral

Via Tiburtina Valeria Km112,00

67050 Cappelle dei Marsi (AQ)

Uscita Autostradale Avezzano

P. IVA e CF 12586261005

 

  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page